Back to the artists

Winfred Gaul

Exhibitions

Biography

Winfred Gaul (Düsseldorf - Germania, 1928 — Düsseldorf - Germania, 2003)

Gli studi di Winfred Gaul iniziano all'Università di Colonia, dopo la quale, a partire dal 1950, frequentò l'Accademia di Belle Arti di Stoccarda, concentrandosi sulla pittura. Fa la sua prima apparizione con quadri informali esposti nella sua prima mostra individuale in Baviera nel 1956. Dopo un periodo trascorso a Roma, nel 1961, Gallia abbandona l'informale e passa al suo ‘periodo Segnali’: acrilici su forme sagomate, con profili e contrasti netti e colori pieni. Tornato in Europa, dopo un periodo negli Stati Uniti, l'artista si dedica all'insegnamento. Nel 1968, Gaul incontra Gianfranco Zappettini: esperti dell'astrazione italiana, i due artisti insieme al critico d'arte tedesco Klaus Honnef, sono i fondatori della pittura analitica. Le opere di Gaul degli ultimi due decenni sono impostate su composizioni corsive bilanciate su contrasti di colore. Tra le mostre collettive dedicate all'astrazione internazionale, ha partecipato a Tempi di percezione, Livorno, 1973; Un futuro possibile. Nuova pittura, Ferrara, 1973; Geplante Malerei, Münster, 1974 e Analytische Malerei, Düsseldorf, 1975.

-

Winfred Gaul (Düsseldorf - Germany, 1928 — Düsseldorf - Germany, 2003)

Winfred Gaul's studies began at the University of Cologne, after which he attended the Academy of Fine Arts in Stuttgart from 1950, concentrating on painting. He made his first appearance with informal paintings exhibited in his first solo show in Bavaria in 1956. After a period spent in Rome, in 1961, Gaul abandoned the informal and moved on to his 'Segnali period': acrylics on shaped forms, with sharp outlines and contrasts and solid colours. Back in Europe, after a period in the United States, the artist devoted himself to teaching. In 1968, Gaul met Gianfranco Zappettini: experts on Italian abstraction, the two artist, together with the German art critic Klaus Honnef, are the founder of analytical painting. Gaul’s works of the last two decades are based on cursive compositions balanced on colour contrasts. Among the group exhibitions dedicated to international abstraction, he participated in Tempi di percezione, Livorno, 1973; Un futuro possibile. New Painting, Ferrara, 1973; Geplante Malerei, Münster, 1974 and Analytische Malerei Düsseldorf, 1975.